Articoli con tag: Venezia

Presagio

«− Paura? Mi sì che gò paura… no par mi, comendatòr, ma gò do fiòi che se sciòpa tuto va soldài de sicuro. Piero mise il motore al minimo. – I mati adeso va a dormìr, come tuti i cristiani…

Presagio

«− Paura? Mi sì che gò paura… no par mi, comendatòr, ma gò do fiòi che se sciòpa tuto va soldài de sicuro. Piero mise il motore al minimo. – I mati adeso va a dormìr, come tuti i cristiani…

Un’ombra fuggitiva di piacere

Mio non sei stato né mai sarai, credo. Fu l’altro ieri: uno sfiorarsi al bar, dirsi qualcosa, niente di più; e già la pena provo del rimpianto confesso. Ma c’è talvolta in noi dell’Arte, di mente tale eccesso che un’ombra

Un’ombra fuggitiva di piacere

Mio non sei stato né mai sarai, credo. Fu l’altro ieri: uno sfiorarsi al bar, dirsi qualcosa, niente di più; e già la pena provo del rimpianto confesso. Ma c’è talvolta in noi dell’Arte, di mente tale eccesso che un’ombra

Il buoncostume

«E Roma? Roma, beh Roma si era ormai abituata alla vita normale con un governo regolare che aveva ripreso a funzionare, con le tradizioni e e forme burocratiche che riprendevano forza a consolidarsi contro le inquietudini, le tentazioni dei rivolgimenti.

Il buoncostume

«E Roma? Roma, beh Roma si era ormai abituata alla vita normale con un governo regolare che aveva ripreso a funzionare, con le tradizioni e e forme burocratiche che riprendevano forza a consolidarsi contro le inquietudini, le tentazioni dei rivolgimenti.

Donne contro

«La Pilon Elvira è una nevrotica che, sdegnando le frivolezze dell’età e del sesso, si entusiasma per gli ideali socialisti» (p. 37)

Donne contro

«La Pilon Elvira è una nevrotica che, sdegnando le frivolezze dell’età e del sesso, si entusiasma per gli ideali socialisti» (p. 37)

Fondamenta degli incurabili

“Nel mondo in cui viviamo, questa città [Venezia] è il grande amore dell’occhio. Dopo, tutto è delusione” p. 89

Fondamenta degli incurabili

“Nel mondo in cui viviamo, questa città [Venezia] è il grande amore dell’occhio. Dopo, tutto è delusione” p. 89

Buffalo Bill a Venezia

«Eh ho fatto un po’ di baldoria, stanotte». «Anche i turisti, al ristorante messicano qua sotto. Ma uno l’hanno sistemato. S’era addormentato sulla fondamenta e l’hanno acciuffato e buttato in acqua…» «Sta scherzando?» «Ma no! Tutti i veneziani ne hanno

Buffalo Bill a Venezia

«Eh ho fatto un po’ di baldoria, stanotte». «Anche i turisti, al ristorante messicano qua sotto. Ma uno l’hanno sistemato. S’era addormentato sulla fondamenta e l’hanno acciuffato e buttato in acqua…» «Sta scherzando?» «Ma no! Tutti i veneziani ne hanno

Noventa, Gò lassà cascar…

Sono appena rientrata da un giro in quel di Venezia ed ora prevedo che per molti post a venire vi tormenterò con questa storia. Abbiate pazienza, o almeno pietà! Questa volta però, dopo molti passaggi nella Serenissima, ho finalmente capito

Noventa, Gò lassà cascar…

Sono appena rientrata da un giro in quel di Venezia ed ora prevedo che per molti post a venire vi tormenterò con questa storia. Abbiate pazienza, o almeno pietà! Questa volta però, dopo molti passaggi nella Serenissima, ho finalmente capito