Articoli con tag: Letteratura inglese

Canzone

Noi, finché i giorni d’ombra son maturi, noi dobbiamo piangere e cantare (…) noi i nostri amori li dobbiamo perdere

Canzone

Noi, finché i giorni d’ombra son maturi, noi dobbiamo piangere e cantare (…) noi i nostri amori li dobbiamo perdere

Una vecchia canzone

«Tutta la questione sfuggiva al suo controllo verso la regione della fantasia e lì lavorava e fermentava, lanciando una sottile spuma di falso eroismo.»

Una vecchia canzone

«Tutta la questione sfuggiva al suo controllo verso la regione della fantasia e lì lavorava e fermentava, lanciando una sottile spuma di falso eroismo.»

Galeotto fu il libro

“Bibliotecari che distribuiscono i libri ai lettori? Proprio no so dove andremo a finire” (p.96) Le foto degli autori apposte a mo’ di santino nei risvolti o nelle quarte di copertina non mi piacciono quasi mai, neanche se si tratta

Galeotto fu il libro

“Bibliotecari che distribuiscono i libri ai lettori? Proprio no so dove andremo a finire” (p.96) Le foto degli autori apposte a mo’ di santino nei risvolti o nelle quarte di copertina non mi piacciono quasi mai, neanche se si tratta

Elogio dell’ozio

Nel 1877 usciva An Apology for Idlers, poche appassionate righe firmate Robert Louis Stevenson, a difesa di uno stile di vita a misura d’uomo diremmo noi oggi, da fannulloni dicevano all’epoca i contemporanei di Stevenson.

Elogio dell’ozio

Nel 1877 usciva An Apology for Idlers, poche appassionate righe firmate Robert Louis Stevenson, a difesa di uno stile di vita a misura d’uomo diremmo noi oggi, da fannulloni dicevano all’epoca i contemporanei di Stevenson.