Articoli con tag: Letteratura francese

Il concerto è andato male

«È tutta colpa mia Tutti i torti son miei Avrei dovuto dar retta a voi Cantare come un cane ammaestrato…»

Il concerto è andato male

«È tutta colpa mia Tutti i torti son miei Avrei dovuto dar retta a voi Cantare come un cane ammaestrato…»

Costellazione

«Mio eterno Autunno mia stagione mentale…»

Costellazione

«Mio eterno Autunno mia stagione mentale…»

La razza degli uomini perduti

«non ho in me alcun dio né qualcosa che abbia un senso, che si veda, che spieghi la vita e che si possa prendere, mi vedono dall’esterno, a me, Antonin Artaud, e sono senza spiegazione riguardo alla mia natura e

La razza degli uomini perduti

«non ho in me alcun dio né qualcosa che abbia un senso, che si veda, che spieghi la vita e che si possa prendere, mi vedono dall’esterno, a me, Antonin Artaud, e sono senza spiegazione riguardo alla mia natura e

A una passante

Andava lasciando un mistero di sogni avverati ch’è folle sognare per noi (D. Campana)

A una passante

Andava lasciando un mistero di sogni avverati ch’è folle sognare per noi (D. Campana)

Piccolo manuale del perfetto avventuriero

«Sono diventato uno scrittore perché ero un buono a nulla» Pierre Mac Orlan

Piccolo manuale del perfetto avventuriero

«Sono diventato uno scrittore perché ero un buono a nulla» Pierre Mac Orlan

Troppe puttane! Troppo canottaggio!

«Gli scrittori che ammiriamo non possono servirci da guide, perché è in noi che abbiamo, come l’ago calamitato o il piccione viaggiatore, il senso del nostro orientamento. […] guidati da questo istinto interiore […] quando gettiamo lo sguardo […] ci

Troppe puttane! Troppo canottaggio!

«Gli scrittori che ammiriamo non possono servirci da guide, perché è in noi che abbiamo, come l’ago calamitato o il piccione viaggiatore, il senso del nostro orientamento. […] guidati da questo istinto interiore […] quando gettiamo lo sguardo […] ci

Le formiche

«A diciotto chilometri del pomeriggio, cioè nove minuti prima che l’orologio battesse dodici colpi, visto che faceva i centoventi all’ora e per giunta in automobile, Phaéton Bougre si fermò sul ciglio della strada ombrosa, obbedendo al richiamo di un pollice

Le formiche

«A diciotto chilometri del pomeriggio, cioè nove minuti prima che l’orologio battesse dodici colpi, visto che faceva i centoventi all’ora e per giunta in automobile, Phaéton Bougre si fermò sul ciglio della strada ombrosa, obbedendo al richiamo di un pollice

Le isole passeggere

«Va detto che da qualche tempo le cose non andavano granché bene sul Grande Continente. Erano tutti sul piede di guerra, anche chi non aveva gambe. Quando non era per la guerra fredda, era per la guerra riscaldata o la

Le isole passeggere

«Va detto che da qualche tempo le cose non andavano granché bene sul Grande Continente. Erano tutti sul piede di guerra, anche chi non aveva gambe. Quando non era per la guerra fredda, era per la guerra riscaldata o la

Vita del signor de Molière

«A ragione il mio eroe […] ebbe in seguito a dire che tutte queste regole aristoteliche sono in sé una vera assurdità e che esiste una sola e unica regola: per scrivere dei drammi ci vuole talento.»

Vita del signor de Molière

«A ragione il mio eroe […] ebbe in seguito a dire che tutte queste regole aristoteliche sono in sé una vera assurdità e che esiste una sola e unica regola: per scrivere dei drammi ci vuole talento.»

Casino totale

«L’appartamento era immerso nella penombra. Era fresco e aveva conservato il suo odore. Menta e basilico… Misi la sveglia alle due e mi sdraiai sulle lenzuola blu, esausto. Con lo sguardo di Lole su di me. Il suo sguardo quando

Casino totale

«L’appartamento era immerso nella penombra. Era fresco e aveva conservato il suo odore. Menta e basilico… Misi la sveglia alle due e mi sdraiai sulle lenzuola blu, esausto. Con lo sguardo di Lole su di me. Il suo sguardo quando

Sputerò sulle vostre tombe

“Quella sera mi sono guardato allo specchio e mi sono messo a ridere, a mia volta. Con quei capelli biondi, pelle bianca e rosa, non rischiavo proprio nulla. Li avrei fregati tutti.” (p.29)

Sputerò sulle vostre tombe

“Quella sera mi sono guardato allo specchio e mi sono messo a ridere, a mia volta. Con quei capelli biondi, pelle bianca e rosa, non rischiavo proprio nulla. Li avrei fregati tutti.” (p.29)

La cicciona

“A quanto pareva, poiché l’amore legale guarda sempre dall’alto il suo confratello libero, dovevano fare con la loro dignità di spose una sorta di barriera contro quella venduta e svergognata” (p. 23)

La cicciona

“A quanto pareva, poiché l’amore legale guarda sempre dall’alto il suo confratello libero, dovevano fare con la loro dignità di spose una sorta di barriera contro quella venduta e svergognata” (p. 23)