Articoli con tag: Jean Rabe

La tribù di Moro Seduto

«Là, dove la parola legge è solo la terza persona del verbo leggere.»

La tribù di Moro Seduto

«Là, dove la parola legge è solo la terza persona del verbo leggere.»

Il tuono viola

«Il tuono viola rombò nell’anno 1596 al concilio dei cardinali a Roma, il quale concilio aveva deciso che i blasfemi  dovessero essere colpiti dal fulmine. Siccome si trattava di una questione di sua pertinenza, di punto in bianco il tuono

Il tuono viola

«Il tuono viola rombò nell’anno 1596 al concilio dei cardinali a Roma, il quale concilio aveva deciso che i blasfemi  dovessero essere colpiti dal fulmine. Siccome si trattava di una questione di sua pertinenza, di punto in bianco il tuono

Alla ricerca di Modì

«L’arte è la menzogna che ci permette di conoscere la verità.» (P. Picasso)

Alla ricerca di Modì

«L’arte è la menzogna che ci permette di conoscere la verità.» (P. Picasso)

Sangue e plusvalore

Quivi alla singola macchina subentra un mostro meccanico, che riempie del suo corpo interi edifici di fabbriche, e la cui forza demoniaca, dapprima nascosta dal movimento quasi solennemente misurato delle sue membra gigantesche, esplode poi nella folle e febbrile danza

Sangue e plusvalore

Quivi alla singola macchina subentra un mostro meccanico, che riempie del suo corpo interi edifici di fabbriche, e la cui forza demoniaca, dapprima nascosta dal movimento quasi solennemente misurato delle sue membra gigantesche, esplode poi nella folle e febbrile danza

Un marziano a Roma

«Il marziano ha accettato di fare una particina di marziano in un film che sarebbe diretto da Roberto Rossellini, il quale si sta interessando affinché al finanziamento del film partecipi una società marziana»

Un marziano a Roma

«Il marziano ha accettato di fare una particina di marziano in un film che sarebbe diretto da Roberto Rossellini, il quale si sta interessando affinché al finanziamento del film partecipi una società marziana»

Una bibita mescolata alla sete

«Queste città/cimitero, in cui lentamente si continuava a morire di noia, divennero ben presto i luoghi di una nuova resistenza al degrado della vita quotidiana» (Gianfranco Marelli)

Una bibita mescolata alla sete

«Queste città/cimitero, in cui lentamente si continuava a morire di noia, divennero ben presto i luoghi di una nuova resistenza al degrado della vita quotidiana» (Gianfranco Marelli)

Uomini e no

Cala questa notte Nel silenzio Uno strano bagliore su Parigi Sul vecchio cuore buono di Parigi Il sordo bagliore del delitto Premeditato selvaggio e puro Del delitto contro i carnefici Contro la morte. (Paul Eluard, «Uccidere»)

Uomini e no

Cala questa notte Nel silenzio Uno strano bagliore su Parigi Sul vecchio cuore buono di Parigi Il sordo bagliore del delitto Premeditato selvaggio e puro Del delitto contro i carnefici Contro la morte. (Paul Eluard, «Uccidere»)

Il giovane maronita

Sii emblema di un timore sprofondato negli abissi del mare (Ashur al-Tuwaybi)

Il giovane maronita

Sii emblema di un timore sprofondato negli abissi del mare (Ashur al-Tuwaybi)

Il Generale dell’armata morta

Nubi sui dirupi Brandendo le scimitarre di pioggia, Sul fondo dei ruscelli le spoglie dei lampi a biancheggiare. (Frederik Rreshpja)

Il Generale dell’armata morta

Nubi sui dirupi Brandendo le scimitarre di pioggia, Sul fondo dei ruscelli le spoglie dei lampi a biancheggiare. (Frederik Rreshpja)

Il salto dell’acciuga

«La memoria è come una goccia d’olio buttata nell’acqua. Può scomparire per un istante ma poi se ne torna su, sta lì, galleggia come uno sguardo su ciò che è stato.»

Il salto dell’acciuga

«La memoria è come una goccia d’olio buttata nell’acqua. Può scomparire per un istante ma poi se ne torna su, sta lì, galleggia come uno sguardo su ciò che è stato.»

Sherlock Holmes, anarchici e siluri

di Jean Rabe «Troppo spesso ciò che colpisce, del non accaduto, è la sua ovvietà, l’urgenza con cui la data situazione lo reclamava. Il paradosso sta dalla parte dell’accaduto»

Sherlock Holmes, anarchici e siluri

di Jean Rabe «Troppo spesso ciò che colpisce, del non accaduto, è la sua ovvietà, l’urgenza con cui la data situazione lo reclamava. Il paradosso sta dalla parte dell’accaduto»