Articoli con tag: Firenze

I fantasmi dell’Impero

«Ci si perdeva su quel fiume come ci si perde in un deserto, e si cozzava tutto il giorno contro bassifondi… E quella quiete animata non somigliava in nulla e per nulla a una pace. Era la quiete di una

I fantasmi dell’Impero

«Ci si perdeva su quel fiume come ci si perde in un deserto, e si cozzava tutto il giorno contro bassifondi… E quella quiete animata non somigliava in nulla e per nulla a una pace. Era la quiete di una

La loggia del popolo

«Il meno che si possa chiedere a una scultura è che stia ferma.» (Salvador Dalì)

La loggia del popolo

«Il meno che si possa chiedere a una scultura è che stia ferma.» (Salvador Dalì)

Piccolo manuale del perfetto avventuriero

«Sono diventato uno scrittore perché ero un buono a nulla» Pierre Mac Orlan

Piccolo manuale del perfetto avventuriero

«Sono diventato uno scrittore perché ero un buono a nulla» Pierre Mac Orlan

L’inquilino

«Un velo di nebbia sfilacciata vagava per le strade buie del quartiere. Un freddo cane. Ma finalmente mi sentivo libero. […] Continuai a camminare senza una meta precisa, ripensando al passato, dissotterrando dalla memoria tutte le storie finite male.»

L’inquilino

«Un velo di nebbia sfilacciata vagava per le strade buie del quartiere. Un freddo cane. Ma finalmente mi sentivo libero. […] Continuai a camminare senza una meta precisa, ripensando al passato, dissotterrando dalla memoria tutte le storie finite male.»

Libreria Baroni

«Che altri si vantino delle pagine che hanno scritto; io sono orgoglioso di quelle che ho letto.» Jorge Luis Borges

Libreria Baroni

«Che altri si vantino delle pagine che hanno scritto; io sono orgoglioso di quelle che ho letto.» Jorge Luis Borges

Metello

«S’imparano mille cose in un istante, non occorre esser stati a scuola, quando la vita ti colpisce a tradimento con le sue cattiverie: basta avere una spina dorsale che ti mantenga in piedi.»

Metello

«S’imparano mille cose in un istante, non occorre esser stati a scuola, quando la vita ti colpisce a tradimento con le sue cattiverie: basta avere una spina dorsale che ti mantenga in piedi.»

Questa striscia di terra

Dentro il buio di quella scatola, si chiedeva com’era possibile che un uomo sfruttasse il lavoro di un altro e pretendesse di sottometterlo. Per lui era un mistero che nemmeno la chiesa glielo sapeva spiegare. (p. 45)

Questa striscia di terra

Dentro il buio di quella scatola, si chiedeva com’era possibile che un uomo sfruttasse il lavoro di un altro e pretendesse di sottometterlo. Per lui era un mistero che nemmeno la chiesa glielo sapeva spiegare. (p. 45)

Tabucchi, Firenze e gli “zingari”

di Jean Rabe L’attaccamento ai fatti storici e alle storie collettive, per il compianto Antonio Tabucchi è stato non meno importante dell’intensa profondità con cui, come l’amato Pessoa, guardava e sentiva le esperienze umane e le arcane circostanze della vita.

Tabucchi, Firenze e gli “zingari”

di Jean Rabe L’attaccamento ai fatti storici e alle storie collettive, per il compianto Antonio Tabucchi è stato non meno importante dell’intensa profondità con cui, come l’amato Pessoa, guardava e sentiva le esperienze umane e le arcane circostanze della vita.

Firenze: le Cure

Mi capita spesso di fissarmi su dettagli scemi. Non ne vado fiera, ma ho una naturale tendenza ad astrarmi dal quadro d’insieme per finire con l’appassionarmi a dei dettagli, talvolta proprio quelli più insignificanti. Il problema è che amo leggere,

Firenze: le Cure

Mi capita spesso di fissarmi su dettagli scemi. Non ne vado fiera, ma ho una naturale tendenza ad astrarmi dal quadro d’insieme per finire con l’appassionarmi a dei dettagli, talvolta proprio quelli più insignificanti. Il problema è che amo leggere,

Contro il portar la toga

Questo poemetto di Galileo Galilei non è proprio sconosciuto, tuttavia sospetto che molti lo ignorino. Vi consiglio caldamente di leggerlo, non vi ruberà molto tempo e vi darà soddisfazione. Inoltre la lingua di Galileo Galilei è veramente alla portata di

Contro il portar la toga

Questo poemetto di Galileo Galilei non è proprio sconosciuto, tuttavia sospetto che molti lo ignorino. Vi consiglio caldamente di leggerlo, non vi ruberà molto tempo e vi darà soddisfazione. Inoltre la lingua di Galileo Galilei è veramente alla portata di

Il futuro a vapore

Una libreria che chiude è sempre una ferita per la città. Così come un cinema, un circolo, un qualsiasi luogo dove oltre al profitto ci s’incontra e le idee possono circolare in qualche modo. Così ieri pomeriggio, girellando per il

Il futuro a vapore

Una libreria che chiude è sempre una ferita per la città. Così come un cinema, un circolo, un qualsiasi luogo dove oltre al profitto ci s’incontra e le idee possono circolare in qualche modo. Così ieri pomeriggio, girellando per il

La congiura de’ Pazzi

La congiura de’ Pazzi è uno fra gli episodi più noti della storia della Repubblica Fiorentina. Lo scrittore umanista Angelo (Agnolo, ad onor di fiorentinità!) Poliziano ci ha consegnato una cronaca rimasta celebre in quanto egli stesso fu testimone oculare

La congiura de’ Pazzi

La congiura de’ Pazzi è uno fra gli episodi più noti della storia della Repubblica Fiorentina. Lo scrittore umanista Angelo (Agnolo, ad onor di fiorentinità!) Poliziano ci ha consegnato una cronaca rimasta celebre in quanto egli stesso fu testimone oculare