Articoli con tag: BFS Edizioni

Le cospiratrici

«Milano, seconda metà dell’Ottocento. Nella stazione ferroviaria una populista russa è in attesa della coincidenza per Bologna. Ha un bagaglio piuttosto fragile: cucita in un asciugamano avvolto attorno alla vita vi è infatti della dinamite, destinata ai moti insurrezionali della

Le cospiratrici

«Milano, seconda metà dell’Ottocento. Nella stazione ferroviaria una populista russa è in attesa della coincidenza per Bologna. Ha un bagaglio piuttosto fragile: cucita in un asciugamano avvolto attorno alla vita vi è infatti della dinamite, destinata ai moti insurrezionali della

Una bibita mescolata alla sete

«Queste città/cimitero, in cui lentamente si continuava a morire di noia, divennero ben presto i luoghi di una nuova resistenza al degrado della vita quotidiana» (Gianfranco Marelli)

Una bibita mescolata alla sete

«Queste città/cimitero, in cui lentamente si continuava a morire di noia, divennero ben presto i luoghi di una nuova resistenza al degrado della vita quotidiana» (Gianfranco Marelli)

Novità in libreria

«La carta è paziente, ma il lettore non lo è.» J. Joubert

Novità in libreria

«La carta è paziente, ma il lettore non lo è.» J. Joubert

La prima estate di guerra

Il nazionalista ha un odio enorme e un minuscolo amore. (A. Gide)

La prima estate di guerra

Il nazionalista ha un odio enorme e un minuscolo amore. (A. Gide)

Otello Gaggi

«Sono impossibilitato di potermi guadagnare il pezzo del pane necessario alla vita quotidiana poiché sono tenuto in considerazione di controrivoluzionario che per la rivoluzione tutto perdette, famiglia paese genitori parenti io che da 12 anni lontano dal mio paese e

Otello Gaggi

«Sono impossibilitato di potermi guadagnare il pezzo del pane necessario alla vita quotidiana poiché sono tenuto in considerazione di controrivoluzionario che per la rivoluzione tutto perdette, famiglia paese genitori parenti io che da 12 anni lontano dal mio paese e

Gli ammutinati delle trincee

«Rivelatosi come il primo epocale scontro militare-economico tra imperialismi e la più feroce contesa tra nazionalismi europei, il conflitto venne attraversato anche da una guerra sociale in grado di travalicare confini e reticolati» (p. 40)

Gli ammutinati delle trincee

«Rivelatosi come il primo epocale scontro militare-economico tra imperialismi e la più feroce contesa tra nazionalismi europei, il conflitto venne attraversato anche da una guerra sociale in grado di travalicare confini e reticolati» (p. 40)

Livorno ribelle e sovversiva

“La prepotenza muterebbe nome, e si chiamerebbe vigliaccheria, se si esercitasse sempre contro gente rassegnata a subirla” (p.40, in La parola dei socialisti, 22 maggio 1921, «Una differenza»)

Livorno ribelle e sovversiva

“La prepotenza muterebbe nome, e si chiamerebbe vigliaccheria, se si esercitasse sempre contro gente rassegnata a subirla” (p.40, in La parola dei socialisti, 22 maggio 1921, «Una differenza»)