Articoli con tag: Adelphi edizioni

Più che puoi (a proposito di Kavafis)

Se non riesci a farla come vuoi, la vita, sforzati almeno più che puoi di non prostituirla nei contatti eccessivi con la gente, con i gesti eccessivi e le parole. Non la svilire col portarla troppo spesso in giro, con

Più che puoi (a proposito di Kavafis)

Se non riesci a farla come vuoi, la vita, sforzati almeno più che puoi di non prostituirla nei contatti eccessivi con la gente, con i gesti eccessivi e le parole. Non la svilire col portarla troppo spesso in giro, con

Conversazioni

«La mia versione probabilmente non ti soddisferà, ma è molto più semplice: chiunque si dia da fare per creare dentro di sé un proprio mondo indipendente, è destinato prima o poi a diventare un corpo estraneo nella società e a

Conversazioni

«La mia versione probabilmente non ti soddisferà, ma è molto più semplice: chiunque si dia da fare per creare dentro di sé un proprio mondo indipendente, è destinato prima o poi a diventare un corpo estraneo nella società e a

Canzone

Noi, finché i giorni d’ombra son maturi, noi dobbiamo piangere e cantare (…) noi i nostri amori li dobbiamo perdere

Canzone

Noi, finché i giorni d’ombra son maturi, noi dobbiamo piangere e cantare (…) noi i nostri amori li dobbiamo perdere

Piccolo manuale del perfetto avventuriero

«Sono diventato uno scrittore perché ero un buono a nulla» Pierre Mac Orlan

Piccolo manuale del perfetto avventuriero

«Sono diventato uno scrittore perché ero un buono a nulla» Pierre Mac Orlan

Un’ombra fuggitiva di piacere

Mio non sei stato né mai sarai, credo. Fu l’altro ieri: uno sfiorarsi al bar, dirsi qualcosa, niente di più; e già la pena provo del rimpianto confesso. Ma c’è talvolta in noi dell’Arte, di mente tale eccesso che un’ombra

Un’ombra fuggitiva di piacere

Mio non sei stato né mai sarai, credo. Fu l’altro ieri: uno sfiorarsi al bar, dirsi qualcosa, niente di più; e già la pena provo del rimpianto confesso. Ma c’è talvolta in noi dell’Arte, di mente tale eccesso che un’ombra

Fondamenta degli incurabili

“Nel mondo in cui viviamo, questa città [Venezia] è il grande amore dell’occhio. Dopo, tutto è delusione” p. 89

Fondamenta degli incurabili

“Nel mondo in cui viviamo, questa città [Venezia] è il grande amore dell’occhio. Dopo, tutto è delusione” p. 89