Archivio della categoria: Libri

L’allegra guerra di Dos Passos

«Ho bisogno di essere in movimento esternamente o di esserlo internamente attraverso la letteratura.»

L’allegra guerra di Dos Passos

«Ho bisogno di essere in movimento esternamente o di esserlo internamente attraverso la letteratura.»

La Banda dello Zoppo

«L’interessante è questo, qui adesso non fa mai notte, solo dalla mezzanotte alla una fa buio, però ce sempre l’albore come allo spuntar dell’alba da noi.» (Oscar Scarselli alla sorella Ida, da Jaroslavl, 1935)

La Banda dello Zoppo

«L’interessante è questo, qui adesso non fa mai notte, solo dalla mezzanotte alla una fa buio, però ce sempre l’albore come allo spuntar dell’alba da noi.» (Oscar Scarselli alla sorella Ida, da Jaroslavl, 1935)

La rivolta dei pescatori di Santa Barbara

«la tempesta che esplode dal deserto del tempo sulla speranza più luminosa del mondo avvinta al crimine più orrendo dell’uomo.» (Herman Melville, Presentimenti)

La rivolta dei pescatori di Santa Barbara

«la tempesta che esplode dal deserto del tempo sulla speranza più luminosa del mondo avvinta al crimine più orrendo dell’uomo.» (Herman Melville, Presentimenti)

Correnti di guerra

«La guerra in principio era un manicomio» Felice Marchesi, soldato classe 1895

Correnti di guerra

«La guerra in principio era un manicomio» Felice Marchesi, soldato classe 1895

Noi sogniamo il mondo

«Una bella immagine chiede.» Tano D’Amico

Noi sogniamo il mondo

«Una bella immagine chiede.» Tano D’Amico

La tribù di Moro Seduto

«Là, dove la parola legge è solo la terza persona del verbo leggere.»

La tribù di Moro Seduto

«Là, dove la parola legge è solo la terza persona del verbo leggere.»

Più che puoi (a proposito di Kavafis)

Se non riesci a farla come vuoi, la vita, sforzati almeno più che puoi di non prostituirla nei contatti eccessivi con la gente, con i gesti eccessivi e le parole. Non la svilire col portarla troppo spesso in giro, con

Più che puoi (a proposito di Kavafis)

Se non riesci a farla come vuoi, la vita, sforzati almeno più che puoi di non prostituirla nei contatti eccessivi con la gente, con i gesti eccessivi e le parole. Non la svilire col portarla troppo spesso in giro, con

Conversazioni

«La mia versione probabilmente non ti soddisferà, ma è molto più semplice: chiunque si dia da fare per creare dentro di sé un proprio mondo indipendente, è destinato prima o poi a diventare un corpo estraneo nella società e a

Conversazioni

«La mia versione probabilmente non ti soddisferà, ma è molto più semplice: chiunque si dia da fare per creare dentro di sé un proprio mondo indipendente, è destinato prima o poi a diventare un corpo estraneo nella società e a

Classifica 2016

«Non faccio alcuna differenza tra un libro e una persona, un tramonto, un quadro. Tutto ciò che amo lo amo di un unico amore.» Marina Cvetaeva

Classifica 2016

«Non faccio alcuna differenza tra un libro e una persona, un tramonto, un quadro. Tutto ciò che amo lo amo di un unico amore.» Marina Cvetaeva

La rabbia

«L’unico colore è il colore dell’uomo Nella gioia di affrontare la propria oscurità»

La rabbia

«L’unico colore è il colore dell’uomo Nella gioia di affrontare la propria oscurità»

L’ora del diavolo

«Ma io non sono ciò che pensano. Le Chiese mi abominano. I credenti tremano al mio nome. Ma io, che lo vogliano o no, ho un ruolo nel mondo. Non sono colui che si è ribellato a Dio, né lo

L’ora del diavolo

«Ma io non sono ciò che pensano. Le Chiese mi abominano. I credenti tremano al mio nome. Ma io, che lo vogliano o no, ho un ruolo nel mondo. Non sono colui che si è ribellato a Dio, né lo

Il tuono viola

«Il tuono viola rombò nell’anno 1596 al concilio dei cardinali a Roma, il quale concilio aveva deciso che i blasfemi  dovessero essere colpiti dal fulmine. Siccome si trattava di una questione di sua pertinenza, di punto in bianco il tuono

Il tuono viola

«Il tuono viola rombò nell’anno 1596 al concilio dei cardinali a Roma, il quale concilio aveva deciso che i blasfemi  dovessero essere colpiti dal fulmine. Siccome si trattava di una questione di sua pertinenza, di punto in bianco il tuono