Archivi autore: Collaboratori di Aspettando il caffè

Informazioni su Collaboratori di Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

Voci possenti e corsare

La storia sono fatti che finiscono col diventare leggenda (Jean Cocteau)

Voci possenti e corsare

La storia sono fatti che finiscono col diventare leggenda (Jean Cocteau)

Relitti

«Il calendario è QUEL CHE STA SCRITTO per definizione… La data, proprio per il suo essere assolutamente preesistente, è insieme anche assolutamente inesistente.»

Relitti

«Il calendario è QUEL CHE STA SCRITTO per definizione… La data, proprio per il suo essere assolutamente preesistente, è insieme anche assolutamente inesistente.»

Respirazione artificiale

Sono l’equilibrista che in aria cammina scalzo sopra un filo spinato.

Respirazione artificiale

Sono l’equilibrista che in aria cammina scalzo sopra un filo spinato.

Prima dell’alba

«Non si fidava dell’evidenza, dei giudizi affrettati. Si sforzava pazientemente di comprendere, ben sapendo che i moventi più chiari non sono sempre i più profondi. Non aveva una grande opinione degli uomini e delle loro possibilità, eppure continuava a credere

Prima dell’alba

«Non si fidava dell’evidenza, dei giudizi affrettati. Si sforzava pazientemente di comprendere, ben sapendo che i moventi più chiari non sono sempre i più profondi. Non aveva una grande opinione degli uomini e delle loro possibilità, eppure continuava a credere

Un amaro per non digerire

«Non si rovescerà il potere come si rovescia un Governo. Il fronte unito contro l’autorità copre l’estensione della vita quotidiana e impegna l’immensa maggioranza degli uomini. Saper vivere è saper non arretrare di un pollice nella propria lotta contro la

Un amaro per non digerire

«Non si rovescerà il potere come si rovescia un Governo. Il fronte unito contro l’autorità copre l’estensione della vita quotidiana e impegna l’immensa maggioranza degli uomini. Saper vivere è saper non arretrare di un pollice nella propria lotta contro la

I fantasmi dell’Impero

«Ci si perdeva su quel fiume come ci si perde in un deserto, e si cozzava tutto il giorno contro bassifondi… E quella quiete animata non somigliava in nulla e per nulla a una pace. Era la quiete di una

I fantasmi dell’Impero

«Ci si perdeva su quel fiume come ci si perde in un deserto, e si cozzava tutto il giorno contro bassifondi… E quella quiete animata non somigliava in nulla e per nulla a una pace. Era la quiete di una

Gulaschkanone

«La guerra puzza di cadavere, ma questo non implica che la pace odori di gelsomino. I periodi tra guerra e guerra esalano un lezzo più sottile e profondo, che a un naso sensibile e addestrato non sfugge.» (Savinio)

Gulaschkanone

«La guerra puzza di cadavere, ma questo non implica che la pace odori di gelsomino. I periodi tra guerra e guerra esalano un lezzo più sottile e profondo, che a un naso sensibile e addestrato non sfugge.» (Savinio)

L’allegra guerra di Dos Passos

«Ho bisogno di essere in movimento esternamente o di esserlo internamente attraverso la letteratura.»

L’allegra guerra di Dos Passos

«Ho bisogno di essere in movimento esternamente o di esserlo internamente attraverso la letteratura.»

La Banda dello Zoppo

«L’interessante è questo, qui adesso non fa mai notte, solo dalla mezzanotte alla una fa buio, però ce sempre l’albore come allo spuntar dell’alba da noi.» (Oscar Scarselli alla sorella Ida, da Jaroslavl, 1935)

La Banda dello Zoppo

«L’interessante è questo, qui adesso non fa mai notte, solo dalla mezzanotte alla una fa buio, però ce sempre l’albore come allo spuntar dell’alba da noi.» (Oscar Scarselli alla sorella Ida, da Jaroslavl, 1935)

La rivolta dei pescatori di Santa Barbara

«la tempesta che esplode dal deserto del tempo sulla speranza più luminosa del mondo avvinta al crimine più orrendo dell’uomo.» (Herman Melville, Presentimenti)

La rivolta dei pescatori di Santa Barbara

«la tempesta che esplode dal deserto del tempo sulla speranza più luminosa del mondo avvinta al crimine più orrendo dell’uomo.» (Herman Melville, Presentimenti)

La tribù di Moro Seduto

«Là, dove la parola legge è solo la terza persona del verbo leggere.»

La tribù di Moro Seduto

«Là, dove la parola legge è solo la terza persona del verbo leggere.»

La loggia del popolo

«Il meno che si possa chiedere a una scultura è che stia ferma.» (Salvador Dalì)

La loggia del popolo

«Il meno che si possa chiedere a una scultura è che stia ferma.» (Salvador Dalì)