Gulaschkanone

«La guerra puzza di cadavere, ma questo non implica che la pace odori di gelsomino. I periodi tra guerra e guerra esalano un lezzo più sottile e profondo, che a un naso sensibile e addestrato non sfugge.» (Savinio)

di emmerre

La metafora è macabra: la cucina da campo, così somigliante ad un cannone, che produce gulasch.
Da Maschere per un massacro a Come cavalli che dormono in piedi, leggere Paolo Rumiz non è mai un’esperienza rassicurante, anche quando il suo scrivere scorre serenamente e in sintonia con la natura; ma proprio per questa sua capacità di gettare ombre inquietanti sull’oggi va apprezzato.

In questo suo ultimo racconto, una sorta di copione teatrale, dal 1914 l’ombra lunga della grande – nel doppio senso di sterminata – guerra continua a stendersi sul presente e sul futuro, anche se nessuno sembra accorgersene.
D’altronde, non c’è neppure consapevolezza che lo stato italiano è in guerra in Afghanistan dal 2001, senza neppure avere avuto la necessità di dichiararla, pur facendo migliaia di morti.

«La cosa pazzesca non è che siamo di nuovo in guerra, ma che lo siamo senza saperlo. Peggio: che non vogliamo sapere. Siamo blindati nel nostro piccolo e nel nostro privato. Non vogliamo capire che milioni di profughi ci avvertono che un mondo è finito. Che la realtà non è più il rito del nostro aperitivo serale e dello struscio […] che rischiamo di precipitare nell’abisso increduli, come nel Quattordici».

Allora l’incubo di chi sopravviveva minuto per minuto in trincea era il proiettile da 305 – pesante 442 kg – che arrivava con rumore ferroviario. Costava oltre 1000 lire dell’epoca e produceva crateri di 20 metri di profondità per 5 di diametro, disintegrando corpi e cose.
Oggi, la tecnologia di morte di un drone è più sofisticata e costosa; ma la logica – parola che non può non suonare come eufemismo – è la medesima e non fa certo distinzioni intelligenti od umanitarie tra militari e civili.

«E’ la prevalenza della macchina sull’uomo, è l’uomo che diventa carne da cannone, l’obice e il mortaio che producono anch’essi salsicce, ossibuchi e spezzatino in serie».

Ma senza dover aspettare che la macelleria militare apra una succursale dietro l’angolo, già parliamo in termini bellici e ci aggiriamo come sonnambuli nella quotidiana emergenza tra automi  in uniforme e nemici fantasma.

«Come lo chiamereste voi, questo rugginoso agitarsi di lucchetti e chiavistelli, questo continuo rumor di badili, questo affannoso scavar trincee e alzare muri? […] e la macchina dei reticolati che si rimette in moto sui confini, persino qui vicino, e taglia sentieri che abbiamo sempre percorso in libertà? E’ o non è guerra?»

E su questo sfondo, si coglie il paradosso di chi, come Rumiz, ricerca e ascolta i morti per cogliere il senso estremo della vita, mentre i presunti vivi che ci camminano accanto trascinano esistenze sorde e ammutolite.
Così, mentre “ci mancano le parole giuste” e “la guerra è diventata indicibile”, l’Autore raccoglie l’urlante silenzio dei cimiteri per allarmarci.
Mai abbastanza disturbante, purtroppo.

L’unica vibrazione che suona stonata è l’orizzonte europeo, assieme a qualche rimpianto per gli assetti imperiali della Belle Époque, a cui Rumiz guarda ancora con speranza. Eppure, negli anni Novanta i conflitti balcanici hanno già lacerato questa entità geo-politica e, proprio in difesa di una presunta Fortezza Europa, stretta dentro mari e reticolati, viene alimentata la paura verso gli “extracomunitari”: forse il neologismo più spietato e insensato del nostro tempo.

 

Paolo Rumiz, Gulaschkanone, Feltrinelli, , collana ZOOM Wide, 2017

Informazioni su Collaboratori di Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

  1. Libro sul mio tavolo, in attesa, ora ancora più imperiosa, di essere letto. Recensione bellissima. E utile.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: