La vita bandoneón

bandoneónIl tango non è solo bello da ballare, da vedere o da ascoltare. Vale la pena di leggerne anche le parole. I testi dei tanghi hanno una forte connotazione propria che investe le tematiche, le metafore, i personaggi e i luoghi.

Fra i tanti protagonisti il bandoneón, oltre ad incarnare la voce del tango, è di volta in volta il confidente, l’amico, il testimone discreto dei dolori, degli amori e delle disgrazie del protagonista.

El duende de tu son, che bandoneón, /se apiada del dolor de los demás,/ y al estrujar tu fuelle dormilón/ se arrima al corazón che sufre más (Lo spirito del tuo suono, che bandoneón,/ ha pietà del dolore degli altri, /e allo stringersi lento del tuo mantice,/ si avvicina al cuore di chi soffre di più. (Che bandoneón, testo Homero Manzi, musica Aníbal Troilo)

Chiunque abbia sentito suonare un bandoneón sa che è cosi. Questo strumento nato in Germania alla fine dell’ottocento  per accompagnare la messa in quelle chiese dove non ci si poteva permettere un organo, ha attraversato il mare ed è diventato la voce delle delusioni e delle disgrazie degli emigrati.

Mario Benedetti (1920-2009) straordinario poeta uruguayano ci ha lasciato un poesia bellissima dove il bandoneón, con il suo mantice in movimento, diventa metafora della vita dell’uomo. La nostra vita è un bandoneón nelle mani di Dio (o chi per lui) che ci “stira in un solo gesto purissimo e poi a poco ci riduce a quasi nulla”. Nel suo movimento continuo di apertura e chiusura ci “strappa confessioni”, “lamenti” ma anche “allegria” e “speranze” che ritornano come i “figliol prodighi” o “come i ritornelli”.

Tuttavia questa considerazione non è pacifica poiché “oggigiorno pochi voglio essere tango”. Per il poeta al giorno d’oggi si preferisce essere qualcosa di più forte come “rumba o mambo o cha cha cha”. Sono poche le persone che vogliono essere tango, perché tolta la rosa fra i denti e messi da parte tutti gli stereotipi, il tango, proprio con i suoi testi, ci insegna che la vita non è per niente facile e soprattutto mai in discesa per quelli che sono poveri, soli o abbandonati. Nell’amara disillusione dei tanghi c’è sempre una consapevolezza composta: il dolore non è mai urlato e sbandierato ai quattro venti, è un qualcosa di privato con cui convivere e con cui fare i conti da soli. Al massimo ci si può concedere il lusso di sfogarsi con l’amico bandoneón o con un occasionale compagno di bevute.

Per questo alla fine della poesia per Benedetti e per tutti noi è chiaro che chiunque sia a suonare la vita bandoneón, “uno sente il tremendo decoro di essere tango, e si lascia cantare”, dimenticandosi che alla fine ci attende la custodia.

Cliccando qui trovate il testo della poesia di Benedetti Bandoneón

Per chi volesse approfondire segnalo: Tango, a cura di P. Collo e E. Franco, Einaudi Tascabili, Torino, 2004

Informazioni su Aspettando il caffè (Stefania)

libri & sconfinamenti

Un Commento

  1. lux

    Poesia molta bella, non conoscevo questo poeta. Io inconsapevolmente mi sono sempre sentita “tango” e bandoneòn!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: